APPELLI PER RICHIESTA URGENTE DI SANGUE

Periodicamente si diffondono via sms, e-mai o social network vere e proprie catene di Sant'Antonio di messaggi con l'appello alla richiesta urgente di sangue.
Questi messaggi non vanno diffusi perché il sangue, anche raro, viene ricercato tramite le strutture del Servizio Sanitario Nazionale e le Associazioni di donatori e non tramite generici appelli alla popolazione.
 
Sin dal 2009 l’allora direttore del Centro Nazionale Sangue, Giuliano Grazzini, unitamente ai Presidenti delle 4 associazioni e Federazioni di volontariato Sangue (AVIS, CRI, Fidas, Fratres), raccomandava di ignorare tali sciacallaggi , invitando alla riflessione: 
'Il sistema trasfusionale italiano è basato sulla donazione volontaria, altruistica e non remunerata, ma soprattutto governata da meccanismi di controllo regionale da una legge dello stato. Anche il sangue ''raro'' viene mappato. Questo significa che gli operatori sanno dove andare a cercare il sangue che serve. Mai nessuno si sognerebbe dinanzi ad emergenze di instaurare una simile catena di presunta ''solidarietà''
Posta la falsità di tali appelli, vogliamo fortemente che un numero sempre crescente di cittadini decida di aderire liberamente alla donazione di sangue.
Per fare ciò è necessario che le persone interessate si rivolgano presso i Centri Trasfusionali delle Strutture Ospedaliere (nel nostro caso il Centro di Raccolta di Busnago) e soprattutto presso le sedi delle Associazioni di volontariato sangue della propria città (a Trezzo siamo aperti tutti i giovedì sera in Via C. Biffi 2/bis – teL. 02/9090147 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. -  www.avistrezzo.it - )

Si, ma… come fare?

Ci è venuta un’idea.

Una … catena di S. Antonio!!!

Ma con importanti differenze rispetto agli appelli falsi e ad effetto, che provocano una immediata ma superficiale reazione emotiva in chi li riceve e poi li spedisce.
Vorremo che inviaste questo messaggio ai vostri amici e conoscenti, chiedendo loro di soffermarsi  a pensare che donare il sangue è importante.
È un gesto d’amore per gli altri, volontario, gratuito, periodico ed anonimo.
Vorremmo che coloro che non sono ancora iscritti all’Avis possano prendere coscienza del problema della costante necessità di avere sangue a disposizione per tutti e per questo vi chiediamo di farvi promotori della cultura del donare e testimoni dell’importanza di far parte della nostra Associazione (in ogni paese c’è l’Avis Comunale di riferimento).
L’iniziativa vuole porre l’accento sull’importanza del contributo di chiunque nel tema donazione di sangue, perché una delle nostre speranze è quella di riuscire a trasformare la maggior parte dei cittadini in donatori periodici.

Dite ai vostri amici di scriverci, di chiamarci o di passare a trovarci in sede o, semplicemente, di visitare il nostro sito.

Saremo ben contenti di fornire loro tutte le informazioni su come fare per diventare donatori di sangue.
 
Un ultimo dettaglio, ma non meno importante.
Vi chiediamo di inoltrare il messaggio (SE LO FATE TRAMITE E-MAIL) nascondendo l’elenco dei destinatari: tutti i principali programmi di gestione della mail lo consentono (funzione “BCC” o “CCN” o “copia carbone nascosta”), per evitare che gli indirizzi e-mail siano di “pubblico dominio”.

Grazie e a presto.
 
Il Consiglio Direttivo
Avis Comunale Trezzo sull’Adda

 
Powered by AcyMailing